Capelli ricci: come proteggerli

Non c’è dubbio: i capelli ricci conferiscono personalità e naturalezza al look. Forse non sai però che le chiome selvagge richiedono più accorgimenti dei capelli lisci. Cure errate e agenti atmosferici possono renderli crespi e sfibrati, facendo perdere loro bellezza e voluminosità. Così, per proteggerli dall’umidità, via libera a bandane colorate in raso o seta e a cappelli divertenti per proteggere i tuoi ricci dalla pioggia invernale. Attenzione però anche ai lavaggi troppo frequenti, che privano i capelli dei loro oli naturali, rendendoli crespi ed elettrici. Meglio due lavaggi alla settimana con detergenti senza solfati, seguiti dall’applicazione di un balsamo specifico per evitare che si formino nodi. Anche la fase dell’asciugatura naturalmente ha la sua importanza. Concluso il risciacquo, tampona con un telo in microfibra, invece di quello in cotone, che stressa di più la fibra del capello. Infine, dopo aver applicato un prodotto anticrespo, imposta una temperatura media del phon e asciugali, dando la piega con le mani.


Capelli ricci: come prendersene cura

Dalle premesse avrai capito che non è semplice prendersi cura dei capelli ricci. Il problema che affligge maggiormente di solito è la scelta dei prodotti più adatti per avere chiome sane e lucenti. Tutte vogliono ricci ben definiti ed elastici. Ottenere questo risultato tuttavia non è impossibile. Gli aiuti più importanti vengono dalla natura. Gli oli naturali di Krians sono particolarmente indicati. Un impacco alla settimana da tenere tutta la notte o per qualche ora è un ottimo rimedio idratante e lucidante.

Shine, Siero Capelli Bio Brillantezza Profonda, è indicato per i capelli ricci, grazie alla sin regia degli ingredienti che lo costituiscono. Abbinato poi allo shampoo Smooth e al balsamo Istant, avrai una chioma facilmente domabile ed incredibilmente morbida.
Un tocco di lacca infine è fondamentale se vuoi apparire in ordine.


capelli ricci

Capelli ricci: le tendenze 2017

Le donne dalla forte personalità prediligono da sempre capelli lunghi e ricci, bellissimi da vedere, ma più complicati da gestire. Nel 2017 i capelli ricci tornano prepotentemente di moda, con tagli che, nelle linee, si ispirano ai sovversivi anni Settanta. Onde ben pettinate, ma anche ciuffi voluminosi, tagli asimmetrici ed elegantissime acconciature lisce alla base e mosse sulle punte. Nessun limite per il colore, anche se i toni del bronzo e del rame valorizzano al meglio i capelli mossi. Sempre eleganti e sensuali le acconciature raccolte, con morbidi ricci che accarezzano viso e collo, perfette per cerimonie e serate romantiche. I capelli ricci possono diventare improvvisamente rigorosi, se li raccogli in uno chignon, che dona particolarmente a visi morbidi con fronti non troppo alte. Osa anche con gli accessori: elastici, pinze, mollette, nastri e fermagli. Ti aiuteranno a personalizzare il tuo stile. Insomma, dai spazio alla tua fantasia se vuoi domare i tuoi ricci più ribelli.


Capelli ricci: come scegliere il taglio in base alla forma del viso

Un taglio ben eseguito deve essere in grado di valorizzare qualsiasi forma del viso. Un volto rotondo apparirà decisamente più sfilato grazie ad un taglio riccio o mosso medio – lungo. Un viso squadrato risulterà addolcito da un taglio con ciuffo laterale morbido e voluminoso. Un volto scavato e allungato può essere “riempito” strategicamente da un taglio corto o medio, riccio e pieno. Questi i consigli più importanti sia per le ricce naturali che per quelle che hanno ottenuto la morbidezza delle onde grazie ad abili parrucchieri. Per evitare errori infatti affidati ai consigli di un esperto. Solo un professionista di esperienza è in grado di creare onde, ricci afro, boccoli e morbide spirali. Evita il fai da te se decidi di fare una permanente, i capelli potrebbero rovinarsi irrimediabilmente. Hai voglia di sperimentare? Allora inizia con metodi soft, come arriccia capelli, bigodini e becchi d’oca. In questo modo ti basterà uno shampoo per correre ai ripari!

Please rate this